COSA HO IMPARATO DA TONY BUZAN SULLE MAPPE MENTALI

Qualche settimana fa ho avuto la fortuna di partecipare a una convention tenuta da Sir Tony Buzan, autore e creatore delle mappe mentali, un sistema intelligente e creativo per prendere appunti efficaci. Le mappe mentali sono un bellissimo modo per apprendere informazioni di svariata natura con creatività e, soprattutto, in modo semplice e veloce. Personaggio di indiscusso successo, autore di oltre 10 libri tradotti in 25 lingue sull’apprendimento rapido, Tony Buzan è il pioniere dell’apprendimento rapido, punto imprescindibile per lo sviluppo delle proprie qualità e del proprio talento. Persona dal carisma innato, dalle qualità creative paragonabili a uno scienziato, Tony Buzan è riuscito a cogliere e scoprire la chiave con la quale creare e sviluppare l’intelligenza. Intelligenza in tutte le sue forme e qualità.

Il modo chiaro con il quale questo distinto signore affronta la platea (eravamo in circa 400 persone), tra metafore di vita e aneddoti, lo ha reso sicuramente capace di trasferire il suo sapere in modo semplice e veloce.

 

I PUNTI DI FORZA DELLE MAPPE MENTALE

I punti di forza che sono stati trattati riguardo alle mappe mentali sono:

  • La chiarezza con la quale le informazioni scritte in mappa mentale attivano completamente le aree cerebrali (tutte le aree cerebrali, sia quelle dell’emisfero destro che quelle dell’emisfero sinistro).
  • La facile realizzazione con la quale sia possibile creare delle connessioni tra le varie informazioni che vogliamo studiare.
  • Utilità in fase di brainstorming e di sviluppo delle capacità creative in ambiti quali il business oltre che il classico ambito che è lo studio in generale.
  • Focalizzazione e amplificazione della concentrazione attuata dal flusso mentale che si attiva in fase della realizzazione della mappa.

 

MIGLIORARE LA MEMORIA

Dando un’occhiata a cosa è l’apprendimento possiamo sicuramente dire che per migliorare la nostra capacità di memorizzazione possiamo:

  • Utilizzare tutti i sensi in fase di apprendimento (vista, gusto, olfatto, tatto, ecc.)
  • Utilizzare i colori quando prendiamo appunti (i colori infatti attivano più aree cerebrali quindi permettono l’attivazione di più neuroni)
  • Creare mentalmente delle visualizzazioni per imprimere il cervello di carica emotiva per poter apprendere facilmente quello che stiamo studiando.

Praticamente le mappe mentali ti possono aiutare per sviluppare le tue qualità mnemoniche e creative.

 

IN CHE ERA VIVIAMO?

Un tema che Buzan ha trattato in modo significativo durante il corso è stato lo sviluppo e il ruolo che l’intelligenza ha avuto durante le varie epoche storiche.

La cosa che mi ha affascinato molto è stata la sua suddivisione delle varie ere che l’essere umano ha attraversato nel corso della storia.
Ecco le 7 che ha individuato:

  • Agricola (fino al 1800)
  • Industriale (dal 1800 al 1950 circa)
  • Delle informazioni (dal 1950 al 1990)
  • Della conoscenza (dal 1990 al 2010 circa – grazie a Internet)
  • Dell’intelligenza (l’era in cui ci troviamo)

Prendiamo per esempio l’era dell’informazione avviata con la scoperta e l’utilizzo dei computer. Ha cambiato la vita sotto molti aspetti. Seguita velocemente dall’era della conoscenza, nella quale il “giusto o miglior sapere” può portarti in vetta a qualsiasi desiderio.

Praticamente, dice Buzan, il futuro è l’era dell’intelligenza nel quale le persone che otterranno risultati saranno quelle che svilupperanno meglio e più velocemente le intelligenze umane. Sarà leader di quell’era chi svilupperà velocemente modi per amplificare l’intelligenza in tutte le sue forme.

 

QUALI PROSPETTIVE PER IL FUTURO?

Per finire Buzan ha trattato delle difficoltà che le istituzioni stanno incontrando nel trovare metodi adeguati allo sviluppo cerebrale degli studenti, per permettere loro di affrontare al meglio la vita di tutti i giorni e il loro futuro.

Concordo con Buzan quando dice che l’uomo di oggi si troverà ad affrontare sfide sempre più grandi e che l’unico modo per vincere in questa giungla tecnologica sarà quello di sviluppare le proprie capacità e i propri talenti ampliando la propria intelligenza e sviluppando nuovi modi di fare. Come dice lui, facciamolo utilizzando i colori e non solo la penna nera, rossa o blu che sia!

E ORA CHE FACCIAMO?

Rimani in contatto con noi per imparare come sviluppare le tue intelligenze e il tuo talento!

Buona era delle intelligenze multiple!

PS: se desideri approfondire le intelligenze multiple ti consiglio il libro di Gardner che tratta di questo argomento)

 

Ti piacciono i contenuti gratuiti di Crea il tuo talento?  Questo articolo ti è stato utile? Se la risposta è sì allora aiutaci a crescere  e condividilo con i tuoi amici!

Michele Piantoni

Michele Piantoni è un NLP Trainer e Coach. È creatore e autore del blog Crea il tuo talento. È autore dell’e-book “9 passi per allenare il cervello“. È esperto di tecniche di Apprendimento Rapido e di Comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *