VUOI DIVENTARE UN GENIO? IMPARA A PRENDERE APPUNTI!

Si sa, Einstein era un genio! Come lo è diventato?  In questo articolo puoi scoprire come persone geniali hanno sviluppato le proprie abilità attraverso gli appunti,  puoi scoprire i segreti delle menti brillanti, come prendevano appunti e quali processi utilizzavano per memorizzare e ampliare le proprie capacità. Daremo concretamente un occhio allo sviluppo della genialità.

Solitamente gli appunti vengono presi nei seguenti modi:

  • Appunti tradizionali
  • Mappe concettuali
  • Mappe mentali
  • Mappe memo-grafiche

 

UNO DEI SEGRETI DI EINSTEIN

Einstein, personaggio eclettico del secolo scorso ha rivoluzionato il concetto di spazio e tempo, aprendo il concetto di fisica al macrocosmo, alle reazioni nucleari e al rapporto intimo con la natura stessa. Si è parlato tanto di questo genio, del suo rapporto con la matematica, la fisica e la filosofia in generale. È emerso nel corso degli anni che quest’uomo ha avuto la capacità di utilizzare il potenziale del cervello mai come era stato fatto fino ad allora. I processi che Einstein utilizzava per raggiungere risultati alquanto brillanti è stato studiato anche interpretando i taccuini che questo scienziato utilizzava per prendere appunti.

In uno studio fatto sul cervello di Einstein dopo la sua morte, è emerso che il numero di neuroni di questo genio era lo stesso di una persona comune. La differenza rispetto a una persona comune è che Einstein aveva un numero di connessioni neurali, che collegavano neurone a neurone, molto maggiore rispetto alla media.

Praticamente aveva una rete di collegamento neuronale sviluppatissima.

 

Come ha fatto questo genio a sviluppare questa rete?neuroni

Oltre alle abilità musicali e spaziali, sviluppate nel suonare il suo strumento preferito –il violino – Einstein aveva un modo tutto suo di prendere appunti. In pratica, per sviluppare la mente in modo eccezionale utilizzava la tecnica di disegnare e scrivere le idee che gli venivano in mente.

Praticamente i suoi taccuini erano pieni di immagini, disegni, parole e idee. (Mi sembra di conoscere un altro genio della storia che faceva così – P.S. Leonardo da Vinci).

leonardo_da_vinci_09

Utilizzando i disegni per imprimere nero su bianco le proprie sensazioni riguardo agli argomenti di studio che esso faceva, in questo modo – il nostro genio – ampliava le connessioni cerebrali in modo facile e funzionale.

 

COSA PUOI FARE TU?

Il consiglio che Albert Einstein ci dà è quello di iniziare ad appuntare tutte le idee che ti vengono in mente sopra un taccuino. Più idee appuntiamo più idee verranno a galla. Utilizza disegni, immagini parole, tabelle. Così facendo puoi ampliare le tue reti neuronali e puoi migliorare la tua genialità.

Nella foto sotto puoi vedere come il nostro cervello si specializza. Ogni emisfero è specializzato in qualche funzione.

Immagine1

Come puoi facilmente capire utilizzando disegni, scritte o simboli attiverai contemporaneamente tutti e due gli emisferi sviluppando così le connessioni fra queste tue due parti. Disegnando su un taccuino le idee che ti balzano per la testa inizierai ad allenare il muscolo della creatività tanto caro a Einstein e ad altri geni del suo calibro.

Quindi, premesso ciò, cosa possiamo fare?

  • Prendi un taccuino che ti piace e portalo sempre con te.
  • Utilizza dei colori diversi quando appunti le tue idee sul taccuino (attiverai così diverse aree cerebrali)
  • Appunta qualsiasi idea ti venga in mente, anche la più banale
  • Utilizza disegni, scritte, simboli, grafici (falli “a mano”, questo crea un feedback utile per sviluppare la tua rete neurale)

Ti stupirai delle idee che ti verranno in mente.

Ogni giorno facciamo circa 70.000 pensieri. Circa il 90% dei quali sono cose uguali a quelle del giorno prima. Scopri tra i tuoi pensieri le nuove idee che fai. Appuntale e vedrai quanto puoi diventare brillante.

Prova a farlo! Anzi … stupisciti facendo!

 

COME UTILIZZAVA I LIBRI EINSTEIN

diario-einstein-300-235Il nostro genio ha saputo utilizzare i libri in modo diverso dal tradizionale. Per sviluppare la curiosità passava le ore a leggere e a scrivere, a prendere appunti e a ripetere a alta voce quello che più desiderava sapere.

Una delle sue caratteristiche peculiari è la capacità che ha avuto di interiorizzare le informazioni sotto forma di immagini. Praticamente annotava nella parte senza scritte disponibile dei libri, - a fianco del testo scritto, sopra e sotto il testo - le proprie note, i propri pensieri e sentimenti che nascevano in lui; appuntava tutto questo utilizzando disegni, parole, frecce e la fantasia.

Aveva trovato un modo semplice, facile e concreto per migliorare la memorizzazione di quello che leggeva. DFWCon questo semplice modo di fare il nostro genio ha sviluppato le sue abilità che lo hanno portato a migliorare il mondo, a allargare i confini della fisica e del nostro universo.

Sotto puoi vedere un esempio pratico di come utilizzare i disegni accanto alle informazioni che desideri fare tue.

 

 

APPUNTI 2.0 (LA RIVOLUZIONE DEGLI APPUNTI)

Negli anni molte persone hanno studiato come gli appunti potessero aiutare la memorizzazione delle informazione. Dagli anni settanta in avanti persone del calibro di J. Novak e Tony Buzan hanno sviluppato mappe che permettono di descrivere gli appunti in modo grafico e ordinato parlando un linguaggio comune al cervello.

mappe-concettuali-brain-up2

Degne di nota sono le mappe mentali di Buzan che utilizzano tutte le componenti corrette per attivare tutta la massa cerebrale per l’apprendimento coinvolgendo in modo estremamente efficace i due emisferi.

Tony-Buzan-Mind-Mapping

 

Sotto riportato trovate una mappa memo-grafica - simile a quella mentale con una sostanziale differenza: per aumentare la memorizzazione si devono ripetere ad alta voce tutte le informazioni in essa inserite utilizzando il più possibile la creatività e l’umorismo. Questo ti permette di avere un feedback sensoriale a 360°. Hai così utilizzato la vista, l’udito e il tatto per migliorare il tuo apprendimento e ampliare la tua memorizzazione.applicazioni-mappe-mentali

Ti invito a visitare le nostre risorse gratuite dove trovi i link utili con tutti gli strumenti on-line per prendere appunti efficaci sotto forma di mappe!

Buoni appunti!!!

 

Ti piacciono i contenuti gratuiti di Crea il tuo talento?  Questo articolo ti è stato utile? Se la risposta è sì allora aiutaci a crescere  e condividilo con i tuoi amici!

Michele Piantoni

Michele Piantoni è un NLP Trainer ed Extraordinary Coach e si è formato con Christopher Cowan e Natasha Todorovic in Spiral Dynamics® Assesment Administration and Interpretation. Fa parte del team Extraordinary di Claudio Belotti. È cofondatore dell’Università del Talento e autore dell’e-book “9 passi per allenare il cervello“. È esperto di tecniche di Apprendimento Rapido e di Comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *