NON LEGGERE SE NON VUOI CAMBIARE LE COSE

Se ti interessa mettere in prospettiva un po’ di cose e avere un’altra visione della vita, questo articolo può fare al caso tuo. Leggilo e ti assicuro che ascolterai parole che solitamente non ti senti dire.

Per creare un fritto misto di speranza (senza grassi idrogenati) oggi metteremo sul piatto della bilancia:

  • Un po’ di sale dove di solito nessuno mette nulla.
  • Un po’ di zucchero dove solitamente gli altri mettono l’amaro.
  • Un po’ di pepe dove gli altri puntano il dito.
  • Un po’ di condimento dove altri mettono le salse.

 

LA SAGGIA SIGNORA SISSI

Proprio l’altro ieri, in un paese vicino e lontano, incontrai un’anziana signora di nome Sissi. Passeggiavo lungo il lago e mentre davo da mangiare a quattro brutti anatroccoli - che forse non conoscono ancora il loro futuro da splendidi cigni – la signora Sissi mi disse:

“Cento anni fa eravamo in guerra. Fra cento anni, “forse”, non ci sarò!

Cento anni fa si volava da poco. Oggi c’è la realtà virtuale e vado a New York in poche ore. Ho sempre creduto che la statua della Libertà fosse più lontana di quello che è.

Oggi ho tutte le informazioni che desidero per migliorar la mia vita, eppure mi domando come mai pochi ne parlano e, tanto meno, pochi fanno.  Widow-Tweed

Sai, in internet - oggi - c’è il 97% della conoscenza globale. Ai miei tempi c’erano pochissimi libri e pochissime fonti d’informazione. Così noi altri, tutti, ci adeguavamo a quello che passava il convento.

Come diceva il saggio: i re di un tempo non avevano quello che abbiamo oggi, dovunque e comunque.

Se è un luogo comune pensare che l’erba del vicino è sempre la più verde e un albero che cade fa più rumore dell’erba che cresce, mi chiedo: se una persona vede solo il deserto, che alberi o erba verde può trovare?

Mi chiedo se il deserto, composto da migliaia di sassolini che chiamiamo sabbia, sappia che noi lo consideriamo vuoto, poco più di nulla. Eppure brulica di vita e per fortuna c’è la libertà di scelta.

Anni fa si andava a lavorare, c’era poco e quel poco mi bastava. Risultato: si sorrideva di più. Oggi abbiamo tutto ma quello che abbaiamo non ci rende immensamente felici. Anzi. Risultato: potremmo ridere di più.

Che strano! Come se avere l’acqua calda in casa, l’ananas nel frigorifero, 20° di temperatura in casa in inverno siano cose naturali, scontate.

Che bello. Io ho l’ananas in frigorifero. Chissà da dove arriva, che viaggi ha fatto, che posti ha visto. Chissà quante persone ha incontrato nel suo peregrinare fino a me.

A questo punto mi domando se posso stare meglio! Mi domando se esista la chiave dei desideri!

 

LA NOSTRA RESPONSABILITÀ

responsabilit_sociale_1

Prima non leggevo con attenzione. Da un po’ di tempo a questa parte, invece, ho iniziato a leggere attentamente. Non le riviste patinate (ho scoperto che nelle foto nessuna delle ragazze ha un brufolo o un neo – e non sto parlando dell’eroe Neo del film di Matrix). Ho deciso di leggere altre cose: libri sulla componente emotiva, la vitalità e la motivazione efficace.

Ho sentito dire che in Italia si legge mediamente un libro e mezzo all’anno. Una triste media, considerato le ore che la Tv si prende.

Un giorno fra i tanti libri che ho letto, ho sentito dire che basta un libro alla settimana per diventare in un anno uno specialista in qualsiasi cosa mi piaccia. Sarà. Ricordo dire da mio nonno, sordo da un po’ di tempo: sereno non è, sereno sarà, se non sarà sereno si rasserenerà.

Ho scoperto che è mia responsabilità prendermi cura di me stessa. Sia per migliorare la stima di me, sia perché ho capito che in questo modo sto meglio, perché in fondo -  forse non proprio così in fondo -  gli altri pensano alla loro di stima e mai alla mia. O meglio, nessuno si occuperà di quello che mi fa felice se non lo faccio io.

  • Mio marito diceva che a 20 anni sei tu al centro del mondo, a 30 inizi a capire che forse non è proprio così e a 40 capisci che agli altri non è mai importato nulla di quello che tu sei o fai. Un’amara considerazione.

Per fortuna che c’è l’ananas!

Fortunatamente possiamo scegliere!

Nella vita sono stata capitana di vascello (strano lavoro per una signora). Portavo le persone da questa riva all’altra.

Mi son sentita spesso dire: signora Sissi, Si, signora Sissi, per tantissime volte.

Me lo diceva sempre anche mio marito: signora Sissi, Si, signora Sissi. Lui rideva di questo.

La chiave del nostro amore è stata varcare ogni giorno la porta della vita mano nella mano. Come diceva lui: due orme mano nella mano che si amarono un tempo nell’andar man mano.

Così oggi, mentre do da mangiare a questi magnifici cigni, cosa posso dire d’aver imparato in tutti questi anni?

Veniamo al punto.  Anzi, due punti:

  1. Cose da fare
  2. Cose da cambiare o buttare

 

COSE DA FAREthings_to_do_today

Un po’ di sale dove di solito nessuno mette nulla.

Ingredienti:

  • Scrivere un diario delle cose di cui sono grata (cose semplici, come l’ananas) – 3 cose al giorno accadute in quel giorno.
  • Chiamare una volta un amico che da tanto tempo non sento – 1 volta alla settimana.
  • Leggere almeno 30 minuti al giorno – tutti i giorni.
  • Dire Grazie ogni volta che qualcuno mi aiuta.
  • Chiedere scusa quando sbaglio (e trovare il coraggio di ammettere che sbaglio).
  • Sorridere (è gratis e apre tantissime porte).

Un po’ di zucchero dove solitamente gli altri mettono l’amaro.

Ingredienti:

  • Spegnere la Tv e leggere.
  • Dire TI AMO a chi si prende cura di te.
  • Spendere con gli amici e per gli amici (creare esperienze indimenticabili).
  • Guardarsi allo specchio TUTTE le mattine e dirsi: MI PIACCIO.
  • Non credere a tutto quello che gli altri ti dicono.
  • Decidere cosa vuoi veramente dalla vita (fai una lista dei tuoi sogni e chiediti: Come faccio a raggiungere… e poi AGISCI).

 

Un po’ di pepe dove gli altri puntano il dito.

Ingredienti:

  • Spegnere la Tv e leggere. P.S. Non è a caso la ripetizione. E’ voluta!
  • Quando ti puntano l’indice contro pensa che 3 dita puntano verso di lui. Lo stesso vale per te.
  • Non conosci una persona fino a quando hai mangiato almeno 1 kg di sale assieme a lui.
  • Tacere quando puoi. Ricordati che chi semina poi raccoglie. Ricordati che siamo tutti al bordo di un fosso e aspettiamo. Lo stesso vale per te.
  • Conta fino a 10 prima di ribattere.

 

Un po’ di condimento dove altri mettono le salse.

Ingredienti:

  • Puoi uscire dalla massa e dire la tua opinione.
  • Puoi avere la lana nera in un gregge di pecore bianche. Sei tu che scegli il colore da indossare.
  • Impara a dire la verità, sempre e comunque.
  • Annuncia che farai qualcosa… e poi fallo veramente.
  • Osserva quello che le persone fanno… e non quello che ti dicono.
  • Aiuta e fai beneficenza (dimostra a te stesso che tu starai sempre nell’abbondanza).

 

COSE DA CAMBIARE E BUTTARE

cestino-ok1

Con gran sorpresa, risuonò un colpo di clacson dietro noi. I quattro anatroccoli, che avevano sentito tutta la conversazione, si svegliarono mentre mangiavano altri piccoli pezzi di pane. La signora Sissi mi abbracciò e se ne andò. Quell’argentea macchina, lunga con un croce sopra, era lì proprio per lei.

Mi fece un ampio sorriso e andandosene mi disse:

“Cambia le parole che usi. Utilizza parole più sagge. Non esistono problemi, esistono questioni da risolvere. Non esistono fallimenti, esistono solo esperienze, esistono le cose che hai imparato!!! E non leggere se non vuoi cambiare le cose!”

… e se ne andò.

Nella vita non sappiamo mai chi possiamo incontrare.

Grazie a te, Signora Sissi.

Grazie per questa esperienza indimenticabile.

 

Ti piacciono i contenuti gratuiti di Crea il tuo talento?  Questo articolo ti è stato utile? Se la risposta è sì allora aiutaci a crescere  e condividilo con i tuoi amici!

Michele Piantoni

Michele Piantoni è un NLP Trainer ed Extraordinary Coach e si è formato con Christopher Cowan e Natasha Todorovic in Spiral Dynamics® Assesment Administration and Interpretation. Fa parte del team Extraordinary di Claudio Belotti. È cofondatore dell’Università del Talento e autore dell’e-book “9 passi per allenare il cervello“. È esperto di tecniche di Apprendimento Rapido e di Comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *