I 3 SEGRETI DELLA COMUNICAZIONE EFFICACE

Come puoi diventare un buon comunicatore? Forse è più semplice di quello che puoi pensare. In questo articolo ti svelo i 3 segreti che i migliori comunicatori utilizzano per essere riconosciuti come tali.

 

1. ASCOLTA

Per prima cosa, i buoni comunicatori sanno ascoltare. Sembra paradossale ma chi è considerato esperto nell’arte comunicativa sostanzialmente è anche un ottimo ascoltatore.

Infatti ascoltare è il primo passo per poter comunicare con più efficacia le nostre idee. Purtroppo al giorno d’oggi tutto è rapido come un lampo e tutto sembra che debba essere veloce: anche la comunicazione e soprattutto l’ascolto!

Quante volte ti è capitato di trovare persone che non ti lasciano quasi finire un discorso e iniziano subito a parlarti di altro, come se quello che hai appena detto fosse passato inosservato?

Capita un po’ a tutti di trovarsi in quelle situazioni imbarazzanti nelle quali si capisce che il nostro ascoltatore non solo non ha capito quello che avevamo da dire, ma addirittura sembra che quello che abbiamo detto non abbia avuto alcun effetto! E iniziamo a farci tante domande pensando di aver buttato via del tempo prezioso con quella persona. E se abbiamo detto qualcosa di importante pensiamo: "La prossima volta lo dirò a qualcun altro!!!".

È importante quindi saper ascoltare, ed ecco come puoi farlo nel modo più corretto:

  • Ascolta attivamente il tuo interlocutore (mettici passione e cuore quando ascolti: devi essere interessato a tutto quello che viene detto).
  • Lascialo parlare, ascoltando con attenzione tutto quello che dice (a tutti piace parlare ma pochi sanno ascoltare!).
  • Evita di interrompere e asseconda il tuo interlocutore (potrai dire la tua quando lui ha svuotato completamente il sacco).
  • Evita di avere pregiudizi di ogni sorta su quello che dice ed evita di giudicare il tuo interlocutore per qualsiasi cosa dica (tu non conosci il suo vissuto e mai potrai essere lui, con le sue speranze e le sue gioie o le sue emozioni e i suoi vissuti).

 

2. ASPETTA

Una volta che ha finito di parlare… aspetta 2-3 secondi prima di ribattere e di dire la tua (questo semplice modo di fare farà di te una persona unica ed eccezionale!!! Sarai un abile ascoltatore e un capace comunicatore).

 

3. SPIEGA

Ti ricordi il momento della tua infanzia nella quale scoprivi il mondo e tutto era nuovo e avventuroso? O forse hai dei figli e stai vedendo in loro questa cosa…

È stato fatto un esperimento. Alle casse di un supermercato un attore chiedeva il permesso di saltare la fila. Quando l’attore spiegava il perché, le persone gli permettevano di saltare la coda molto più spesso rispetto a quando ci aveva provato senza dare spiegazioni.

Praticamente il perché ammorbidisce la risposta altrui e questo ti permette di essere più efficace nella comunicazione.

I perché hanno dato un senso alle cose e alla vita fin dalla prima infanzia. Capita a volte che i perché restino circoscritti solo a quella fase della vita.  Forse per paura di sembrare non all’altezza i perché restano silenziosi invece di prendere aria attraverso la parola!

Vuoi che ti sveli un segreto? Inizia a spiegare il perché delle cose e vedrai che le persone inizieranno a essere più propense a fare quello che proponi.

 

Ora che questi tre segreti non sono più segreti, ti invito a provarli nella tua vita.

Fammi sapere come è andata applicando questi semplici ma eccezionali modi dell’arte della comunicazione efficace e persuasiva.

 

 

Ti piacciono i contenuti gratuiti di Crea il tuo talento?  Questo articolo ti è stato utile? Se la risposta è sì allora aiutaci a crescere  e condividilo con i tuoi amici!

Michele Piantoni

Michele Piantoni è un NLP Trainer ed Extraordinary Coach e si è formato con Christopher Cowan e Natasha Todorovic in Spiral Dynamics® Assesment Administration and Interpretation. Fa parte del team Extraordinary di Claudio Belotti. È cofondatore dell’Università del Talento e autore dell’e-book “9 passi per allenare il cervello“. È esperto di tecniche di Apprendimento Rapido e di Comunicazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *